3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: epatocarcinoma

epatocarcinoma 8 Anni 1 Mese fa #763

  • geni
  • Avatar di geni
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Egregio professore le scrivo da Fondi in provincia di Latina (lazio), per avere qualche speranza riguardo la situazione drammatica di mio padre. Nello scorso Dicembre egli è stato sottoposto ad una epatectomia presso il policlinico Gemelli di Roma ad opera del prof. Nuzzo Gennaro con esito positivo. Da allora con cadenza trimestrale venivano effettuati controlli poichè il suo fegato era diventato cirrotico per effetto dell'epatite e successivamente trombosi della poplitea dx e modesta irregolarità della vena iliaca comune di sn. A Febbraio la situazione è diventata drammatica si sono evidenziati dei nuovi noduli al fegato ed il responso dei dottori è stato dei + pessimisti con la sola prescrizione del Nexovar per allungargli la vita e migliorargliela. Prontamente mi sono recato a Milano per un consulto con il prof. Armando Santoro ma il responso è stato lo stesso ossia la FINE, tutti i suoi colleghi asseriscono che oltre al Nexovar non si può far nulla ma io non mi arrendo. Dimenticavo mio padre ha 69 anni e a parte i problemi sopra descritti gode di ottima salute e condizione fisica, la prego mi dia una speranza ho letto da più parti che con l'ausilio dell'ipertermia si sono raggiunti buoni risultati(come mai nessuno dei suoi colleghi mi ha consigliato l'ipertermia?) Ringraziandola anticipatamente per l'attenzione prestatami e della sua disponibilità in attesa di sue notizie le porgo i miei più cordiali saluti.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:epatocarcinoma 8 Anni 1 Mese fa #764

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 623
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig. Geni,

la recidiva della patologia in oggetto effettivamente è cosa assai assai seria, anche in virtù delle condizioni precarie di un fegato cirrotico. Detto questo però si può tentare di associare ipertermia capacitiva a radiofrequenza alla terapia con sorafenib (Nexavar) in corso ed inoltre si può abbinare ipertermia total body ad infrarosso. Doserei poi la cromogranina A nel sangue per verificare se è possibile impiegare in aggiunta octreotide ai trattamenti possibili. Non da ultimo l'estratto embrionario di zebra fish può giovare. Il tutto nel tentativo di prolungare il più possibile la sopravvivenza nelle migliori condizioni possibili. Un appuntamento valutativo con me si può fissare al numero 331 9584817 al fine di integrare il percorso terapeutico suggerito. L'ipertermia è molto nota ed impiegata in moltissimi paesi esteri; in Italia ancora sono pochi i Centri terapeutici e scarsa è la conoscenza della metodica.

un caro saluto

Carlo Pastore
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita