3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Quando intervenire con la ipertermia?

Quando intervenire con la ipertermia? 9 Anni 10 Mesi fa #73

  • m.scano
  • Avatar di m.scano
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Mia moglie è stata recentemente operata per una seconda recidiva, in seguito a un tumore dell'utero trattato con isterectomia totale nel 2004. Questa volta è stato asportato un nodulo di 1,8 cm nella fossa iliaca, più alcuni frammenti di tessuto "sospetto" tra vescica retto e uretere. Attualmente sta facendo il secondo ciclo di chemio (celix, se non sbaglio). Sto cercando di capire se in questa fase un intervento con l'ipertermia può essere utile, o se è necessario che si riformi della massa tumorale in qualche parte del corpo precisa. Veniamo dalla Sardegna e prima di affrontare il viaggio per una visita volevamo avere qualche informazione. Grazie!
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:Quando intervenire con la ipertermia? 9 Anni 10 Mesi fa #74

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
Caro Amico,

se l'intervento è stato macroscopicamente radicale è buona cosa. Però non si può essere certi di non avere della malattia minima residua (a maggior ragione trattandosi di una recidiva). Direi che è opportuno valutare oltre la chemioterapia in corso l'opportunità di aggiungere un trattamento radiante ed una ipertermia a scopo adiuvante.

Resto a disposizione, cari saluti

Carlo Pastore
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita