3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Carboplatino

Carboplatino 8 Anni 9 Mesi fa #360

  • barracco
  • Avatar di barracco
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Egregio Dott. Pastore,
mia madre di 63 anni è stata operata circa 3 anni fa K mammario circa 3 mm carninoma duttale inflitrante G2 pT1c NO ER PgR:0% cerb B2 3+, linfonodi ascellari negativi. seguono 4 cicli di chemioterapia AC e radioterapia. Non ha potuto fare il trattamento ormonale in quanto i recettori sono negativi. A distanza di circa 2 anni e mezzo lo scorso agosto manifesta forti dolori al torace ed effettuata una scintigrafia ossea di rilevano metastasi in sede sternale, coste e vertebrale. La TAC evidenzia plurime formazioni nodulari (DT max 1,5 cm) ripetitive a carico di entrambi i parenchimi polmonari e linfonodi millimetrici laterocervicali bilaterali.
Viene intrapresa chemioterapia di I linea con TAXOTERE ed HERCEPTIN ma dopo il III ciclo si manifestano neuropatia agli arti inferiori e trombosi dei rami superiore ed inferiore dell'arteria polmonare. A seguito di quasi totale regressione della trombosi è stato intrapreso il IV ciclo ma si è verificata insufficienza respiratoria acuta regredita dopo ricovero ospedaliero.
Effettuata TAC rileva progressione polmonare, linfonodale sovra diaframmatica e comparsa di 2 lesioni cerebrali.
Interrotta la Chemio e sottoposta ad 1 ciclo di XELODA.
Effettuta a determinazione FISH è confermato l'uso dell' HERCEPTIN per cui dal 4 maggio 2010 ha intrapreso chemioterapia con HERCEPTIN e CARBOPLATINO somministrati entrambi ogni 21 giorni (II ciclo 26 maggio) e dovrà intraprendere il III ciclo il 16 giugno.
Il CARBOPLATINO va somministrato ogni 21 giorni oppure il 1° giorno con Herceptin, l'8° giorno (solo carboplatino) ed il 21° giorno con Herceptin ?
I valori dei marcatori tumorali sono in aumento Ca15.3- 59,30 CEA 21,1 CA125-45,70 ed oltre ad una respirazione molto affannata presenta una pesante forma di astenia/affaticamento.
Pensa che il trattamento di IPERTERMIA possa essere utile ?
Ringrazio anticipatamente per l'attenzione ed in attesa di un cortese riscontro, porgo un cordiale saluto. Linda Barracco
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:Carboplatino 8 Anni 9 Mesi fa #361

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
Gentile Linda,

la situazione appare complessa: vediamo di mettere un pò di ordine. Innanzitutto quello che riguardo le cellule tumorali analizzate all'esame istologico di due anni e mezzo fa era vero, oggi potrebbe non esserlo più. Mi spiego: la popolazione cellulare che costituisce un tumore è policlonale già di per se, con i trattamenti farmacologici e/o fisici (radioterapia, ipertermia) si modifica ulteriormente. Sarebbe dunque opportuno tipizzare nuovamente il tumore mediante biopsia di una delle lesioni più facilmente accessibili. Con la documentazione di cui disponiamo oggi mi sembra comunque opportuno intraprendere una terapia a base di capecitabina + lapatinib (successore del trastuzumab ed efficace anche a livello encefalico). Le lesioni ossee debbono poi essere trattare aggiungendo alla chemioterapia che verrà impostata il farmaco acido zoledronico. Sull'encefalo occorre intervenire inoltre con radioterapia ed ipertermia combinate. L'ipertermia può giovare in abbinamento nelle diverse sedi di malattia. Per quanto riguarda la somministrazione che sta facendo ti dico, a scopo didattico, che anche abbinarli ogni 21 giorni andrebbe bene: tutto dipende dai dosaggi che si somministrano. Come vedi gli spunti di riflessione sono moltissimi. Se vuoi possiamo incontrarci qui a Roma e discuterne di persona previo appuntamento al numero 339/7967652. Vi è anche la possibilità di un ricovero per una adeguata (e mi sembra necessaria) terapia di supporto.

un caro saluto

Carlo Pastore
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita