3319584817 - 3911216046
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO:

Adenocarcinoma ben differenziato infiltrante la parete colica 3 Settimane 3 giorni fa #2726

  • Marah19
  • Avatar di Marah19 Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 0
Buonasera vorrei delle delucidazioni:

Sicuramente so che non è facile online fare delle valutazioni ma vorrei avere una risposta ai miei dubbi cercando di essere più chiara possibile.
Vi chiedo ciò perché, credetemi, il mio cervello si sta svuotando è davvero devastante questo stato d'animo.
La situazione è questa:
Mia madre è stata operata d'urgenza per una importante infiammazione e ascesso al cieco con  perforazione(sospettato da subito tumore maligno),  inoltre è andata in peritonite.(((È arriva in condizioni critiche al ps poiché faceva accertamenti da mesi ma nessuno si era accorto del problema))).

Di seguito le dimissioni :dimettiamo paziente con diagnosi di addome acuto da perforazione intestinale in paziente con neoplasia di n.d.d.

È arrivato il citologico  (per il citologico- materiale in esame:peritoneo ASCESSO PERITONEALE) e c'è scritto NEGATIVA la ricerca di cellule neoplastiche.

Nella cartella clinica però, nella descrizione di ciò che è stato fatto e visto durante l'operazione leggo: numerosi noduli di carcinosi peritoneale si apprezzano in sede sovra e sottomesocolica (Lungo il colon discendente, sigma,  subcapsulare splenica, frenica , nel contesto del tessuto adiposo in fianco sinistro).

Vorrei capire,  arrivati a questo punto, il fatto che il CITOLOGICO è risultato negativo è importante e incoraggiante?
Mi hanno spiegato che il citologico vede se, nell'addome, ci sono sparse cellule tumorali mentre l'istologico è specifico sul pezzo operatorio.È realmente così?

Infine preciso che l'istologico del pezzo operatorio ( ansa intestinale di cm 77,  colon cm 20) è arrivato :
Si tratta di adenocarcinoma ben differenziato infiltrante la parete colica.
La neoplasia infiltra ab extrinseco la parete ileale.Quattro linfonodi periviscerali di cui due metastatici.
Chiedo in merito all'istologico se anche il "ben differenziato" sia confortante.

Attendo una risposta ai miei dubbi e un parere sulla situazione della mia mamma.

Grazie di cuore

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Adenocarcinoma ben differenziato infiltrante la parete colica 3 Settimane 2 giorni fa #2727

Gentile Marah, buonasera.

Purtroppo in quel che leggo il maggior peso specifico lo ha l'aver rilevato la presenza di noduli peritoneali (ed a questo punto il citologico del materiale ascessualizzato conta poco perchè vuol dire che nell'ascesso non ci sono cellule neoplastiche ma non analizza il resto dell'addome). Anche il coinvolgimento di due linfonodi pericolici su quattro ed il buon grado di differenziazione cellulare viene superato dalla presenza di malattia peritoneale. In questa condizione occorre impostare rapidamente un trattamento oncologico sistemico (eventualmente coadiuvato da ipertermia sull'addome pelvi) e dopo tre mesi verificare andamento del trattamento. A malattia peritoneale ridotta, si potrà pensare poi ad una revisione chirurgica ulteriore.

Cari saluti

Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Adenocarcinoma ben differenziato infiltrante la parete colica 3 Settimane 11 Ore fa #2728

  • Marah19
  • Avatar di Marah19 Autore della discussione
  • Offline
  • Messaggi: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 0
Buongiorno Dottore, grazie per la sua risposta.Davvero molto chiaro.
Comunque volevo dirle che nella descrizione dell'operazione che ha avuto ieri c'è scritto :all'apertura del peritoneo versamento libero sieroso prelevato per il citologico mentre per quanto riguarda l'accesso al cieco c'è scritto:presenza di neoformazione ascessualizzata purulenta che coinvolge l'ultima ansa ileale e il cieco (prelevato campione per esame colturale).

Quindi ho capito male ho il citologico ha studiato comunque un liquido presente in generale nel peritoneo e non l'ascesso specifico al cieco?


Ovviamente preciso che per come ho scritto nel primo post (non avendo letto ancora la descrizione dell'intervento ) ho potuto fare intendere che ciò che è stato analizzato è solo l'accesso al cieco come vi era scritto nel citologico.
Leggendo invece la descrizione dell'operazione scrivono invece che per il citologico è stato prelevato quanto su scritto.

In ogni caso lei è stata operata il 2 dicembre.L'oncologo ha prescritto prima di inziare qualsiasi terapia una colonoscopia che farà il 7 febbraio.

Attendo sue.Grazie Dottore.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Adenocarcinoma ben differenziato infiltrante la parete colica 2 Settimane 6 giorni fa #2729

Buonasera a te. Di nulla, figurati.

In realtà poco importa dove sia stato prelevato il liquido per il citologico; anche per quanto riguarda liquido peritoneale in carcinosi, non è detto che sempre si possano reperire delle cellule malate che esfoliano nel liquido. Quel che purtroppo ha un peso è che il chirurgo ha visto macroscopicamente le masse sul peritoneo.

Importante intraprendere una terapia quanto prima e vedo che il percorso lo avete avviato

Cari saluti

Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.093 secondi
  Prenota visita