3319584817 - 3911216046
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO:

Ipertermia permetastasi polmonari 7 Mesi 2 Settimane fa #2609

Buongiorno, 
Scrivo per mia cognata per un consiglio 
Operata per adenocarcinoma al colon a Faenza nel marzo 2019. Alcuni linfonodi erano positivi. Xelox risultato tossico. A seguire capecetabina ma dopo mesi sono comparsi secondarismi ai polmoni. Fegato e resto puliti Terapia con bevacizumab e folfiri interrotta perché le provocava problemi al cuore ( ma stava riducendo le metastasi polmonari che erano tre noduli di cui uno sopra un cm) Provata terapia stereotassica a Meldola ma per la posizione noduli ( così le hanno detto successivamente ) non ha avuto  effetto, anzi noduli cresciuti . Intervento ad un polmone a Bologna  il 29 aprile 2021 poi al secondo polmone 5 luglio con asportazione di un terzo dello stesso e di tutte le metastasi ma sono state trovate cellule vicino alla vena cava.  Trovato a novembre un ispessimento e interessamento  pleurico ricoverata e le hanno aspirato molto liquido. Dimessa con terapia cortisonica per iniziare successivamente  cicli di lonsurf ne ha fatti 3, ma che non hanno avuto effetto. Ha mutazione nras esone 3 ed altre mutazioni con sigle che non elenco perché non le conosco tutte.  Ora le hanno proposto regorafenib e in aggiunta le avrebbero proposto  anche ipertermia … siamo molto confusi….gli oncologi da lei sentito dicono che ipertermia non indicata per polmoni.  Non sappiamo proprio come procedere.. se sentire altro parere.. se procedere con gli stessi oncologi… la voglia di lottare c’è ed è tanta… con la giusta terapia sono sicura possa stabilizzarsi… vorrei tanto esserle di aiuto, senza ovviamente mancare di fiducia in chi la segue,  per questo chiedo  se Ipertermia unità a regorafenib può essere una strada percorribile o se ve ne sono altre da poter iniziare eventualmente. Grazie 

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Ipertermia permetastasi polmonari 7 Mesi 2 Settimane fa #2610

Gentile Sonia, buonasera.

La proposta terapeutica di regorafenib combinata con ipertermia in qualità di coadiuvante sinergico appare sensata.

L'ipertermia di per se peraltro ha anche un effetto immunomodulante, antalgico, di rinforzo della penetrazione del farmaco antiblastico principale nelle masse neoplastiche.

Cari saluti e resto a disposizione

Carlo Pastore, specialista in oncologia
www.ipertermiaitalia.it
Ringraziano per il messaggio: Soniasonia

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.087 secondi
  Prenota visita