3319584817 - 3911216046
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO:

dubbi su cura prostata 5 Anni 2 Settimane fa #2335

  • bielo2009
  • Avatar di bielo2009 Autore della discussione
sono stato operato di cancro alla vescica nel 2011, faccio possibilmente prevenzione e data la mia eta', 65 anni ho fatto, per la prostata, ecografia pubica e transrettale, risultato prostata ingrossata con diverse alzate notturne per orinare, senza dolori, l'urologo mi ha prescritto Goprost e Avodart, una compressa al giorno per 7/8 mesi dandomi appuntamento a marzo per una visita.Leggendo le controindicazionidi Avodart leggo che puo' causare, per chi e' predisposto, il cancro della prostata. La mia domanda e': perche' mi da una pasticca cosi' rischiosa quando faccio questi controlli proprio per prevenire u8n tumore?Non so se sono riuscito a spiegarmi,spero di si e colgo l'occasione per ringraziarla per l'eventuale risposta. Dennis

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

dubbi su cura prostata 5 Anni 2 Settimane fa #2336

Gentile Sig. Dennis,

Avodart è farmaco molto impiegato nella ipertrofia prostatica benigna. Non vi sono evidenze certe che possa facilitare l'insorgenza di una neoplasia della prostata. In realtà probabilmente il fatto che si dica che assai raramente può favorire l'insorgenza di una neoplasia prostatica è legato al ritardo della diagnosi poichè abbassa il PSA nel sangue. Cerco di spiegarmi meglio: se il Paziente assume un farmaco che abbassa il valore del PSA ed io non lo so, rischio di fare più tardi diagnosi affidandomi alla valutazione del PSA (che è molto sensibile nell'individuare delle forme maligne prostatiche). Sapendolo però il medico, si approfondisce con esami radiologici lo studio della prostata e si scongiura il ritardo diagnostico. In sostanza, seguirei con fiducia le indicazioni del Collega urologo.

Cari saluti

Prof. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
Ringraziano per il messaggio: bielo2009

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.114 secondi
  Prenota visita