3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: ADENOCARCINOMA AL PANCREAS

ADENOCARCINOMA AL PANCREAS 1 Anno 11 Mesi fa #2195

  • Martina
  • Avatar di Martina
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Egregio Dottore,

le scrivo per conto di mia mamma. La signora con adenocarcinoma pancreatico e diffuse metastasi al fegato e (non ancora confermate) ai polmoni ha già fatto due terapie chemioterapiche di prima e seconda linea (gemcitabina,+nab-paclitaxel e folfox) risultate inefficaci. È da due mesi che ha interrotto l’ultima chemio e
al momento stiamo utilizzando solo l’octreotide e le sue condizioni, generalmente discrete, sono mediocri da 4 giorni. So che quanto le ho scritto è molto riduttivo e sintetizzato, sono disponibile a un incontro e mandarle tutti i referti in merito, ma al momento le chiedo, visto le condizioni di mia mamma e la diffusione della malattia, è possibile fare qualcosa che non abbia effetti collaterali pesanti? Leggevo in merito all’immunoterapia, ma si tratta solo di un approccio futuribile o volendo già utilizzabile (sempre che le caratteristiche istologiche lo permettano)?
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

ADENOCARCINOMA AL PANCREAS 1 Anno 11 Mesi fa #2197

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 622
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Martina,

per quel che leggo la condizione di malattia è purtroppo assai diffusa. Le due linee teoricamente piu' efficaci sono state già impiegate. L'idea del lanreotide è ottima poichè le neoplasie pancreatiche hanno spesso una componente neuroendocrina ma non credo sia sufficiente per arginare questo tipo di malattia. Come integrare? Dipende molto dalla condizione generale e dagli esami ematochimici. Una strada terapeutica teorica al fine di farla stare il meglio possibile, il piu' a lungo possibile potrebbe essere una combinazione di capecitabina ed erlotinib (ma, ripeto occorre verificare stato generale ed ematico). L'immunoterapia (con nivolumab o pembrolizumab) è per questo tipo di neoplasia ancora opzione sperimentale. Dovrebbe entrare in un trial clinico. Due Centri validi e rinomati per tale opzione sono a Napoli ed a Siena. L'ipertermia capacitiva profonda a radiofrequenza nonchè un approccio in fitoterapia oncologica possono essere utili dopo aver stabilito una terapia farmacologica principale.

Cari saluti

Prof. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita