3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Sarcoma sinoviale monifasico

Sarcoma sinoviale monifasico 2 Anni 5 Mesi fa #2015

Gentilissimo Dr. Pastore
Affetto da sarcoma sinoviale monofasico delle parti molli con partenza dal ginocchio, tre anni fa operato e rimosso completamente (ad oggi nessuna recidiva locale). Da subito sono comparse metastasi polmonari, 7 a destra (di cui una in zona parailare) e 3 a sinistra dichiarate inoperabili. (?) In questi ultimi tre anni ad oggi, sono stati fatti 8 cicli di ifosfamide ad alte dosi che hanno tenuto la malattia sotto controllo. L'anno scorso è stata fatta radioterapia stereotassica al nodulo parailare destro e ad un nodulo in sede basale destra in prossimità della cupola epatica.
Dopo una sospensione di circa 8 mesi dall'ultimo ciclo di chemioterapia, ripresa della malattia per cui e stata riavviata una nuova terapia con ifosfamide ad alte dosi (questa volta ridotta dopo 2 mesi del 25% per tossicità midollare). Terapia eseguita da febbraio fino a luglio 2016. Alla TC torace/addome si evidenzia non solo versamento pleurico (tra l'altro drenato) ma anche ematico. Niente da segnalare all'addome.
A questo punto i medici mi hanno detto che non c'è più niente da fare e mi hanno iniziato una cura con pazopanil da 200 mg che andrà piano piano incrementato a 800mg per avere effetto.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Sarcoma sinoviale monifasico 2 Anni 5 Mesi fa #2016

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 621
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig. Fabrizio,

premetto che il pazopanib è terapia potenzialmente utile quindi ben si è fatto ad impostarla. Alternativa a mio avviso, condizioni generali ed esami ematochimici permettendo, è la trabectedina che per quanto leggo non è mai stata ancora somministrata. Ulteriore ipotesi, poichè esistono dei dati preliminari di efficacia in letteratura medica nelle neoplasie mesenchimali, è una combinazione di temozolomide e bevacizumab. L'ipertermia capacitiva profonda a radiofrequenza oncologica si può prendere in considerazione (dopo aver drenato il versamento) in qualità di coadiuvante sinergico. Inoltre possibile un approccio di immunomodulazione in fitoterapia. Prenderei in considerazione oltretutto un ulteriore consulto con un Collega radioterapista per verificare se è stata spesa tutta la dose erogabile in precedenza o se è ancora possibile trattare.

Cari saluti

Prof. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Sarcoma sinoviale monifasico 2 Anni 5 Mesi fa #2017

Gentilissimo Dr. Pastore, in effetti due anni fa, fui sottoposto a terapia con trabectedina ma questa risultò immediatamente epatotossica con valori alterati di transaminasi e gamma-gt. Dopo un mese si riscontrava ecograficamente, steatosi epatica a carta geografica per cui la possibile terapia con trabectedina fu subito interrotta.
Per quanto riguarda il pazopanib, in questi giorni è stato interrotto perchè le piastrine si riducono notevolmente sotto le 60000 u/ml e si rischiano emorragie.
A questo punto, vista la tossicità del farmaco, sarei più intenzionato a seguire un regime di fitoterapia.
Lei sa indicarmi quali sostanze sono più indicate per il sarcoma sinoviale monofasico, metastatizzato al polmone?
Grazie
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Sarcoma sinoviale monifasico 2 Anni 5 Mesi fa #2018

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 621
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig. Fabrizio,

un regime in fitoterapia ed ipertermia oncologica sono indicati in qualità di coadiuvante sinergico di un trattamento principale in chemioterapia e/o radioterapia. Sulla base della terapia principale si decide il regime integrativo. Per la piastrinopenia possono essere di giovamento melatonina e 5-metossitriptamina a dosaggio opportuno.

Cari saluti

Prof. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita