3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: info terapia post chemio ec per G2 ormonoresponsiv

info terapia post chemio ec per G2 ormonoresponsiv 2 Anni 11 Mesi fa #2003

  • bimber
  • Avatar di bimber
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 9
  • Ringraziamenti ricevuti 6
  • Karma: 0
paz,73 anni operata seno dx quadrantectomia
pT1aN1aMx
2 linfonodi positivi su 17
Estrogeno 90%
Progest.70%
Ki67% 20-30%
Her2 neg

Con questp quadro clinico sono in atto una chemioterapia 4 cicli Ec.
a)Dopo essa e' meglio continuare con taxolo o non e' necessario essendo recettori ormonali positivi e istologico di cui sopra?
b)Basta far seguire ai 4 cicli di Ec solo la terapia ormonale con inibitori per 5 anni?
c)Quale di essi preferibile: anastrolo/letrozolo/exemetrane?
d)Va fatto in sequenza a due anni di tamoxifene o direttamente 5 di inibitori?

Grazie mille
Buona Pasqua
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

info terapia post chemio ec per G2 ormonoresponsiv 2 Anni 11 Mesi fa #2004

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 622
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

se la condizione generale e gli esami ematochimici lo consentono meglio proseguire anche con taxano. A seguire direttamente inibitori dell'aromatasi per 5 anni. Quale inibitore? Direi quello meglio tollerato data la sostanziale equivalenza di efficacia tra i tre nel quadro clinico descritto. Inoltre valutazione con radioterapista per terapia adiuvante locoregionale.

Cari saluti e ricambio l'augurio di una serena Pasqua

Prof. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

info terapia post chemio ec per G2 ormonoresponsiv 2 Anni 11 Mesi fa #2005

  • bimber
  • Avatar di bimber
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 9
  • Ringraziamenti ricevuti 6
  • Karma: 0
Esimio dott.in relazione al quadro che le avevo presentato e che le riporto
paz.73anni operata quadrant dx e diss ascell
pT1aN1aMx con estrog 90 progest 70 ki 67 tra 20-30 e 2linfonodi su 17
ritiene quindi piu'opportuno continuare com taxano dopo 4cicli di ec? Scusi se le ripropongo il quesito ma ho visto protocolli che data l alta ormonorespons e la presenza solo di 2linf ,non avrebbero previsto neanche i cicli ec ma solo l ormonoterapia. Visto che la ec ora e'quasi al termine(ultimo ciclo) conviene davvero fare anche 12sett di taxolo o non aumenterebbe di molto il grado di protezione visto questo quadro istologico e quindi basterebbe solo continuare con inib aromatasi oltre a radioterapia? C'e' qualche parametro che la spinge a consigliarmi anche i taxani per migliorare outcome? Grazie mille
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

info terapia post chemio ec per G2 ormonoresponsiv 2 Anni 11 Mesi fa #2006

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 622
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

la popolazione di cellule tumorali in una neoplasia è spesso eterogenea ed impiegare una combinazione sequenziale o contestuale di farmaci con punto di attacco differente aumenta la possibilità di eradicazione della eventuale malattia minima residua. Ovviamente occorre far conto con età, condizione generale, esami ematochimici. Nella condizione specifica il ki67 non basso ed il coinvolgimento linfonodale per mia esperienza sono i parametri maggiormente da attenzionare e che, oltre la disamina precedente, mi indurrebbero a proseguire con la totalità dei trattamenti possibili.

Cari saluti ed un grande in bocca al lupo per tutto

Carlo Pastore, oncologo
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita