3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Leiomiosarcoma uterino

Leiomiosarcoma uterino 4 Anni 2 Settimane fa #1926

  • Daniele56
  • Avatar di Daniele56
Buongiorno,
circa sette mesi orsono mia moglie è stata operata per l'asportazione di un fibroma uterino.
L'esame istologico ha evidenziato anche un leiomiosarcoma.
Dopo quattro cicli di chemio agli esami di controllo le hanno riscontato un pacchetto di linfonodi pelvici di 2,5x2,5 diventato di 8x8 dopo un mese.
I medici hanno riproposto una chemioterapia prima di intervenire chirurgicamente.
Cosa mi consiglia?
La ringrazio anticipatamente per la sua gentile risposta.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Leiomiosarcoma uterino 4 Anni 2 Settimane fa #1927

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 621
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig. Daniele,

innanzitutto opportuna (se non è stata eseguita e la valutazione dei linfonodi fatta con altre metodiche di diagnostica radiologica locoregionale) una TC total body + cranio con mezzo di contrasto e finestra ossea. Questo al fine di avere una stadiazione di malattia il più accurata possibile. Se macroscopicamente si dovesse rilevare solo quanto riportato nel presente post, in primis effettuerei una valutazione chirurgica. Anche in virtù dell'evidenza della non risposta alla precedente linea terapeutica in chemioterapia. Dopo una eventuale chirurgia, la nuova chemioterapia (differente dal punto di vista farmacologico da quella effettuata in precedenza) andrebbe a confrontarsi con una eventuale malattia minima residua con maggior possibilità di risposta completa. Da valutare inoltre un trattamento radiante (anche post eventuale chirurgia ed in sinergia con un trattamento chemioterapico) ed un trattamento ipertermico coadiuvante. Da non trascurare la terapia di supporto oncologico parallela e l'impiego di fitoterapici in regime coadiuvante.

Un caro saluto

Prof. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita