3319584817 - 3911216046
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO:

Tumore IV stadio e ipertermia 10 Anni 2 Mesi fa #1788

  • eniac
  • Avatar di eniac Autore della discussione
Buongiorno,
un mio parente è affetto da tumore allo stomaco in metastasi al IV stadio. Per precisione riporto la diagnosi dell'ospedale:

Endonocarcinoma tubolo-ghiandolare gastrico HER 2 +++, stadio IV (polmone, linfonodi, omento, regione sottodiaframmatica dx) sub stenosi gastrica.

Vorrei sapere, con un tumore arrivato a questo punto, se l'ipertermia può essere una terapia utile, almeno a migliorare la qualità di vita.

Grazie

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tumore IV stadio e ipertermia 10 Anni 2 Mesi fa #1789

Gentile Utente,

l'ipertermia nella condizione descritta può essere impiegata quale coadiuvante sinergico di un eventuale trattamento chemioterapico sistemico. Dico eventuale poichè prima di prescrivere un trattamento farmacologico antiblastico è necessario valutare la condizione generale del paziente e gli esami ematochimici. Il Paziente comunque per poter impiegare l'ipertermia capacitiva profonda oncologica a RF non deve essere portatore di pacemaker e/o defibrillatore impiantati, non deve avere impianti metallici e/o stent metallici nella regione corporea da trattare e, se presenta voluminoso versamento nella regione da sottoporre a terapia, deve essere preventivamente drenato. Anche taluni cateteri per analgesia spinale rappresentano controindicazione al trattamento. Per inciso, parlando da specialista in oncologia, del trattamento chemioterapico eventuale, leggo che la neoplasia iperesprime her2: questo consentirebbe l'impiego del trastuzumab (farmaco a bersaglio molecolare) nello schema terapeutico.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.084 secondi
  Prenota visita