3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Esame PET post radioterapia

Esame PET post radioterapia 5 Anni 10 Mesi fa #1637

  • gideb72
  • Avatar di gideb72
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Buonasera Dott. Pastore,
mio padre si è sottoposto ad un intervento di duodenocefalopancreasectomia a Roma.
Successivamente ha affrontato un ciclo di radioterapia.
Dal momento che, fino ad oggi, per la valutazione ante intervento è stata utilizzata solo la TAC, volevo chiderLe se potrebbe attualmente essere indicata anche una PET/TAC e se può essere fatta fin da subito (il trattamento radioterapico si è concluso da poco più di 1 settimana).
Grazie
gideb72
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Esame PET post radioterapia 5 Anni 10 Mesi fa #1638

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 622
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

in linea generale è sempre opportuno confrontare le medesime metodiche. Questo perché si ha un precedente da confrontare. L'esame PET è metodica funzionale che non deve essere eseguita a breve distanza da un trattamento radiante e non deve essere eseguita durante il periodo di somministrazione di chemioterapici (ma dopo almeno 25 giorni dalla sospensione dei medesimi). A seconda del trattamento radiante eseguito e della regione corporea debbono trascorrere almeno 40 giorni dal termine. Il Collega radioterapista che ha eseguito il trattamento potrà certamente essere più esauriente di me nella descritta condizione avendo tutte le note anamnestiche del Paziente.

Cari saluti ed un grande in bocca al lupo per tutto

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita