3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: Gentile

Gentile 6 Anni 1 Mese fa #1554

  • vera
  • Avatar di vera
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 9
  • Karma: 0
dott.Pastore, vorrei un suo cortese parere sul caso dì mia mamma, due settimane fa in seguito a forti dolori alla schiena e a gambe e piedì gonfì e' stata ricoverata, gli accertamenti diìcono che a livello dell'istmo pancreatico c'e' una neoformazione delle iìmenisioni di cm 4, la biopsia parla di dìsplasia di grado severo/ adenocarcinoma senza sicura evidenza dì aspetti infìltrativi..... dalla scintigrafia ossea c'e' una marcata osteosclerosi delle branche pubiche, dell'acetabolo e della regione sopra acetabolare, da ricondurre a localizzaioni secondarie di malattia......dalla rx torace ci sono numerosi noduli biìlateralì, espressione della dìffusione ematogena della malattia....... sabato l'hanno dimessa, sta assumendo pasticche dì palexia 50 mg piu' lyrica per i dolo
ri, volevo sapere se secondo lei e' il caso di tentare una terapia associata all'ipertermia..... siamo disperati perche ' non ci aspettavamo una malattia oosì diffusa, grazie mille.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Gentile 6 Anni 1 Mese fa #1555

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 621
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig.ra Vera,

condizioni generali ed esami ematochimici permettendo, un trattamento combinato di chemioterapia ed ipertermia potrebbe avere lo scopo di farla vivere il meglio possibile ed il più a lungo possibile in una patologia purtroppo assai seria ed assai diffusa. Il tutto ovviamente coadiuvato da una energica terapia antalgica e di supporto. La patologia tumorale disturba l'organismo per effetto massa (cioè infiltrando e dislocando le strutture circostanti interrompendo l'omeostasi dei sistemi organici) e per effetto metabolico (cioè producendo sostanze di scarto che intossicano l'organismo): le terapie oncologiche integrate mirano a ridurre questi effetti e sono volte, ripeto, al miglioramento della condizione generale e sperabilmente della sopravvivenza.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Gentile 6 Anni 1 Mese fa #1556

  • vera
  • Avatar di vera
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 9
  • Karma: 0
mia mamma per ora non sa nulla della situazione,potrei venire io da lei con tutta la documentazione per un consulto?...il suo problema ora,oltre i dolori sono le gambe e i piedi molto gonfi che non le permettono di camminare bene,infatti abbiamo preso una sedia a rotelle.....mi sono dimenticata di dirle che ha uno stent all'uretere perche' la massa comprimeva un rene rendendole difficile urinare ...quindi la chemio piu' l'ipertemia potrebbero servire anche per alleviare i dolori?Grazie ancora
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: Gentile 6 Anni 1 Mese fa #1557

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 621
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig.ra Vera,

un primo incontro può anche avvenire con tutta la documentazione clinica ed i familiari in modo da avere una idea della condizione generale e prospettare un iter terapeutico palusibile. Ovviamente una eventuale fase successiva non può prescindere da una visita clinica della paziente. Importante visionare anche esami ematochimici recenti che includano il profilo proteico (in particolar modo proteine totali ed albumina). L'ipertermia tra le sue proprietà annovera anche quella antidolorifica (antalgica). La riduzione del dolore va di pari passo con la sperabile riduzione della quota di tessuto malato.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita