3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: edemocarcinoma al pancreas con metastasi al fegato

edemocarcinoma al pancreas con metastasi al fegato 6 Anni 4 Mesi fa #1503

  • luca78
  • Avatar di luca78
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
salve,
mio padre ,68 anni, è stato operato a luglio 2001 per edenomocarcinoma al pancreas subento un importante intervento durato 8 ore dove è stato asportato parte del pancreas,stomaco ed intestino
dopo un lungo recupero post intervento(quasi un mese), dalla tac effettuato risultava che il pancreas era tutto ok,mentre vi erano presenti lesioni epatiche al fegato.
ha iniziato cicli di chemio(schema gemox).
ad oggi, dopo 4 sedute di chemio sono stati fatti analisi del sangue con marcatori e nuova tac.
purtroppo i marcatori risultano alti, soprattutto la fosfatasi alcalina(1200).
dalla tac purtroppo non ci sono segnali di miglioramenti o regressioni....e questo lunedi(lunedi 19) avremo incontro in oncologia dove ci diranno se proseguire con la solita chemio o cambieranno schema.
quello che so e che i marcatori tumorali sono analisi molto sensibili..e mio padre la settimana prima di tali analisi stava assumendo antibiotici per i globuli bianchi(2 antibiotici al giorno x 6 giorni)i quali gli hanno causato anche diarrea, ed in più...non sapendo che avrebbe fatto meglio evitare...era da qualche giorno che gli piaceva il cibo piccante(salame calabrese....!!)
chiedo se effettivamente tali valori possono essere stati alterati anche da quanto sotto riportato o se i marcatori tumorali non vengono influenzati da tali cose.

in questi giorni anche se è da 20 giorni che ha passato l'ultima chemio(la quarta) ha molta stanchezza ed avverte spesso dolori addominali..con un po più di fastidio dalla parte del fegato...noi crediamo che tali dolori siano dovuti anche dall'intervento che ha subito a Luglio..che magari con il cambio di stagione(umido..freddo) gli diano più fastidio..e che il lato Destro sia più sofferente anche per il fatto che oltre all'operazione aveva anche l'ingresso dei drenaggi..i quali hanno dato non pochi problemi..(i drenaggi messi a Luglio..sono stati tolti solo a metà ottobre..e la ferita ha causato per 3 volte un pò di infezione con febbre)


detto questo...spero in Suo consiglio..per sapere se la situazione è ancora gestibile ..se possiamo sperare di poter combattere ancora...o se dobbiamo arrenderci al male...

è possibile che le prime 4 chemio non abbiano dato risultato? e iniziare con un nuovo ciclo,può portare invece a risultati o ormai siamo in caduta libera?

in attesa

ringrazio
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: edemocarcinoma al pancreas con metastasi al fegato 6 Anni 4 Mesi fa #1504

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 621
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig. Luca,

immagino che la data dell'intervento sia Luglio 2012. I marcatori non hanno una sensibilità e specificità elevata e comunque cedono il passo agli esami iconografici. Se la TC non ha evidenziato miglioramenti i markers passano comunque in subordine. Da quanto leggo sarà senza dubbio opportuno modificare lo schema terapeutico e magari integrarlo (ipertermia, energica terapia di supporto e di immunomodulazione). Sulle genesi dei dolori addominali è difficile avere delle certezze non avendolo visitato. Purtroppo potrebbero anche essere imputabili alla patologia di base. I chemioterapici passano tra le cellule malate come il rastrello tra le erbacce: non è detto che possano eradicare tutta la malattia data la eterogeneità cellulare che costituisce una massa tumorale ed in questo risiede la persistenza della malattia nonostante la terapia.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita