3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: adenocarcinoma scarsamente differenziato (g3 )

adenocarcinoma scarsamente differenziato (g3 ) 6 Anni 8 Mesi fa #1405

Buonasera, un fulmine a ciel sereno... a mio padre di anni 71 hanno diagnosticato
adenocarcinoma all'esofago scarsamente differenziato (g3 )!!

Domani faremo l'ecografia perchè la TAC ha rilevato nel fegato e nella spalla di aree sfumate !!??

La prossima settimana abbiamo appuntamento con oncologo ....
nel frattempo mi stavo documentando quale strade intrappendere..
Secondo lei abbiamo qualche speranza con ipertemia per questa patologia ...
ci sono centri qui a Genova ?

Grazie di cuore
una figlia con ilcuore spezzato ....
Paola (da genova )
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: adenocarcinoma scarsamente differenziato (g3 ) 6 Anni 8 Mesi fa #1407

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 621
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig.ra Paola,

innanzitutto occorre verificare se la malattia è diffusa in altri distretti corporei. Suggerirei completamento diagnostico a livello epatico con RMN e scintigrafia ossea per verificare se vi fosse diffusione ossea. L'ipertermia può essere valido coadiuvante in combinazione con chemioterapia e/o radioterapia. Da non sottovalutare una energica terapia di supporto durante il periodo dei trattamenti oncologici specifici. Per i Centri di ipertermia oncologica più vicini al proprio domicilio è possibile consultare il sito www.assie.it o contattare il numero verde sul medesimo sito.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita