3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: REFERTO TAC

REFERTO TAC 6 Anni 10 Mesi fa #1333

  • meti
  • Avatar di meti
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 2
  • Karma: 0
Salve, premetto che mia madre (76 anni) è affetta da carcinoma mammario infiammatorio (scoperto a luglio 2011), sta effettuando un secondo ciclo di chemio neoadiuvante FEC con risultati ancora non sufficienti per l'operazione.
Questo è il referto della tac sostenuta in data 27.04.12 per scongiurare metastasi al fegato (unico nodulo riscontrato già tramite tac del 5.1.12)

"Fegato aumentato di volume ad impronta steatosica. Zona debolmente ipodensa in fase precontrastografica ed isodensa in fase portale, nel IV segmento senza le caratteristiche TC della lesione riconducibile a FNH. La zona segnalata potrebbe essere riconducibile per le caratteristiche TC a skip area: è necessario comunque integrare il reperto segnalato con CEUS (non variazioni morfovolumetriche rispetto all'esame TC di riferimento del 5.1.12)"

Gradirei una vostra opinione in merito.

Grazie sentite,

Distinti saluti
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: REFERTO TAC 6 Anni 10 Mesi fa #1335

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 623
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

impossibile fornire una valutazione senza immagini. Per quanto leggo posso dire che la TC evidenzia quella che è presumibilmente un area di risparmio da steatosi (skip area, comunque non area maligna) e che il Collega radiologo giustamente consiglia una ecografia con mezzo di contrasto per meglio determinare le caratteristiche dell'area e per scrupolo.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
The following user(s) said Thank You: meti

Re: REFERTO TAC 6 Anni 10 Mesi fa #1337

  • meti
  • Avatar di meti
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 2
  • Karma: 0
Grazie per la risposta Dottore,

le pongo un'altra domanda riguardo la situazione di mia madre, illustrando brevissimamente il trascorso.

A partire da settembre 2011 mia madre ha effettuato 6 cicli di TC, e non essendo stata riscontrata una regressione sufficiente a consentire l'operazione ha iniziato successivamente 6 clicli di FEC; il 23 maggio fa l'ultimo, ma poichè la TAC ha già fornito indicazione di un incremento dei noduli al seno l'oncologo ci ha paventato l'idea di iniziare radioterapia e ormonoterapia, essendo molto responsiva (her2 negativo, ricettori responsivi al 90%, KI67 AL 10%)

Francamente non ho afferrato se trattasi di radio e ormono neoadiuvanti, quindi con l'obiettivo finale dell'operazione, ovvero trattamenti da attuare al solo scopo di 'contenimento'.

Le chiedo molto apertamente se fosse possibile abbinare ai due trattamenti anche quello di ipertermia, e per quale obiettivo finale (operazione o contenimento) .

Grazie e cordiali saluti
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: REFERTO TAC 6 Anni 10 Mesi fa #1338

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 623
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

se la malattia è confinata al seno francamente suggerirei di intervenire comunque a questo punto. Dopo due trattamenti differenti neoadiuvanti, ripeto, se la malattia è confinata al solo seno, è opportuno procedere alla radicalizzazione chirurgica e semmai dopo combinare radioterapia locoregionale adiuvante (a seconda del tipo di intervento che si esegue e dello stato linfonodale) ed ormonoterapia sistemica. L'ipertermia, se ci sono ostative per la chirurgia, può trovare il ruolo di ulteriore coadiuvante per trattamento radiante e/o farmacologico.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita