3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: microcitoma

microcitoma 6 Anni 10 Mesi fa #1331

  • nikoletta
  • Avatar di nikoletta
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
gent.le dottore,
mio padre è affetto da microcitoma polmonare con una localizzazione ossea al pube. lha già effettuato tre cicli di chemio con cisplatino e vip 16. al termine del terzo ciclo ha eseguito una tac che ha mostrato un leggero incremento nella zona vicino alla trache e una ldiminuzione nell'altra localizzazione polmonare. la localizzazione ossea dovrebbe essere invariata ma non sono state indicate misure precise.l' oncologo l'ha definita una tac "non buona". volevo sapere se è stata corretta la decisione dell'oncologo di non effettuare contemoiraneamente radio e chemio, se l'ipertemia può essere ancora d'aiuto e se la situazione è così drastica...le condizione di mio padre sono molto buone: ha effettuato i tre cicli di chemio swnza avere effetti collaterali e la sua qualità di vita per il momento è invariata. c' è altro da fare?
Grazie
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: microcitoma 6 Anni 10 Mesi fa #1332

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 622
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

il microcitoma polmonare deve essere considerato da principio come malattia sistemica ed è opportuno pertanto trattarlo in primis con un trattamento farmacologico sistemico. Sul residuo di malattia od a prevenzione di comparsa di nuove localizzazioni in regioni corporee a rischio è opportuno integrare con metodiche locoregionali (radioterapia ed ipertermia). Anche l'ipertermia total body ad infrarosso trova suo spazio di applicazione oltre l'ipertermia capacitiva profonda come ulteriore coadiuvante di immunostimolazione ed antalgico. Alla luce delle risultanze TC si potrebbe pensare di modificare lo schema di chemioterapia considerando l'impiego di topotecan ed antracicline; inoltre per lo scheletro suggerirei una integrazione (se già non è stata fatta) con acido zoledronico. Utile dosare la cromogranina A per verificare se possibile abbinare anche octreotide od il suo analogo lanreotide. Come accennato l'ipertermia può svolgere un ulteriore ruolo coadiuvante.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita