3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: info

info 7 Anni 1 Mese fa #1306

  • manusera
  • Avatar di manusera
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
gentilissimo dott. Pastore ne approfitto subito vedendola in linea: mia mamma è affetta da metastasi ossee che hanno colpito prima le costele ed ora alkcune vertebre (l2-l3-l5) in particolare i peduncoli; visto il dolore molto forte oltre a diversi cicli di chemio abbiamo fatto anche la radioterapia senza però esito, anzi il dolore alla schiena è peggiorato molto, a gennaio abbiamo quindi deciso di eseguire una vertebroplastica per sabilizzare la colonna e cercare di alleviare i dolori ma non ci sono stati molti risultati purtroppo!!! la cosa peggiore è che lei non reagisce molto bene alle ciure, è molto demotivata e vuole interrompere nuovamente il ciclo di chemio che sta facendo (gemox) dice che non ce la fa, ha la pressione che sale e scende, nausea ed altri effetti collaterali, secondo me moltio sei quali dovuti al suo stato di "stanchaezza psicologica" e da una settimana che ha fatto la chemio; io non sono molto informata sull'ipertemia, ma crede che si possa sottoporre a tale cura con risultati? quali sono gli effetti collaterali?? potrei venire per un consulto da lei con tutta la documentazione lasciando però la paziente a casa? abitiamo in basilicata, è possibile farla curare qui?? grazie mille
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: info 7 Anni 1 Mese fa #1308

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 623
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Utente,

occorre valutare la malattia oncologica nella sua globalità e comprendere se il percorso terapeutico è il più idoneo per la condizione descritta. L'ipertermia di per se può avere un effetto antalgico, proapoptotico, sinergico con chemioterapia e/o ipertermia, immunomodulante. Rappresenta valida terapia coadiuvante ed occorre comprendere anche per quanto riguarda l'ipertermia qual'è il miglior approccio possibile. Non è metodica invasiva nè gravata da effetti collaterali di rilievo. Nella sua versione capacitiva profonda comunque il paziente non deve essere portatore di pacemaker o defibrillatore cardiaco, non deve avere versamento ascitico e/o pleurico (quest'ultima comunque è controindicazione relativa poichè previo drenaggio è possibile comunque trattare), non deve avere placche metalliche e/o stent metallici nella regione corporea da trattare. Per la ipertermia total body le controindicazioni sono invece insufficienza respiratoria, problematiche cardiovascolari, presenza di metastasi cerebrali. Per un appuntamento con me con tutta la documentazione clinica per valutare un percorso diagnostico - terapeutico è possibile contattare il numero 331 9584817. In Basilicata non saprei cosa indicare per l'ipertermia.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita