3319584817
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Questo forum è dedicato alle domande dei pazienti al dott. Pastore. La consultazione degli articoli è libera mentre per inserire le vostre domande è necessario effettuare la registrazione al sito. Vi preghiamo di usare pseudonimi nella registrazione evitando di riportare nelle domande, dati personali e/o sensibili che facciano risalire alla vostra identita o a quella dei pazienti non permettendoci di rispondervi nel rispetto della legge sulla privacy. Gli articoli verranno pubblicati solo dopo approvazione del moderatore. Per doverosa informazione, si ricorda che la visita medica effettuata dal proprio medico abituale rappresenta il solo strumento diagnostico per un'efficace trattamento terapeutico. I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento

ARGOMENTO: carcinoma del portio e metastasi

carcinoma del portio e metastasi 7 Anni 8 Mesi fa #1105

  • luisam
  • Avatar di luisam
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Gentile Dr. Pastore Le scrivo per sottoporre alla Sua attenzione il caso di mia zia e chìederLe un parere in merito. Ella ha 66 anni e le è stato diagnosticato un anno fa (06-07/2010), per l’insorgenza di una sintomatologia dolorosa a livello dei quadranti inferiori dell’addome, a seguito di una biopsia del portio e di un nodulo vaginale e di RMN, un carcinoma del portio a piccole cellule, stadio IIIB.
Vista l’impossibilità di un intervento chirurgico, è stata sottoposta a trattamento chemio x RT concomitante su pelvi : con 4 campi ortogonali di 8MV DTF 45Gy ( 1,8 Gy x 5gg), brachiterapia endocavitaria con DTF 24Gy (6 Gy x 1/ settimana), integrata a trattamento CT con cisplatino settimanale, nel periodo 08-10/2010. Sottolineo che dalla diagnosi al trattamento, vista la gravità, non è stata eseguita alcuna indagine esplorativa circa la ricerca di eventuali secondarismi.
Nel 11/2010 eseguito RM addome superiore ed inferiore dalla quale si evidenziano pluriformazioni metastatiche a livello epatico e linfoadenopatie LA, mentre in sede pelvica si osserva riduzione della disomogeneità uterina e della massa pelvica.
Dal 12/2010 al 04/2011 è sottoposta a 6 cicli di TIP, tollerati relativamente bene.
05/2011 ricerca dei markers tumorali: CEA: 57, Ca15.3: 43, Ca125: 22, Ca19.9: 43
01/06/2011 RM-A-P rivela secondarismi epatici aumentati rispetto all’esame precedente, persistono linfoadenopatie LA, secondarismi ossei.
Dal 07/2011 la paziente è sottoposta ad un nuovo trattamento CT con Hycamtin.
Al momento la paziente risulta molto debilitata per inappetenza causata dalla forte sintomatologia dolorosa a livello epatico e addominale, che puntualmente ricompare nell’intervallo tra i cicli e che nonostante la somministrazione continua di antidolorifici non si riesce completamente ad alleviare.
Dr.Pastore spero di essere stata chiara ed esaustiva nell’esposizione, Le chiedo se è stato applicato il protocollo terapeutico adeguato al caso di mia zia o è ancora possibile poter valutare altre terapie come ad esempio la ipertermia associata ad un trattamento CT non ancora tentato.
La ringrazio per il tempo prezioso dedicatomi, resto in attesa di un Suo cortese e rapido riscontro. Cordiali saluti. Luisam.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re: carcinoma del portio e metastasi 7 Anni 8 Mesi fa #1106

  • carlopastore
  • Avatar di carlopastore
  • Offline
  • Moderator
  • Messaggi: 623
  • Ringraziamenti ricevuti 87
  • Karma: 3
Gentile Sig.ra Luisa,

il percorso terapeutico è stato adeguato ma le nuove risultanze suggerirebbero a mio avviso alcune varianti. Innanzitutto per i secondarismi ossei aggiungerei acido zoledronico (in fleboclisi ogni 28 giorni, previo dosaggio del calcio ematico ed rx ortopanoramica). Inoltre, condizioni generali permettendo, impiegherei per rinforzare l'attività dell Hycamtin (topotecan) il Caelyx (antraciclina liposomiale). La combinazione di due farmaci offre maggiori possibilità di risposta. La sinergia con l'ipertermia (sia profonda locoregionale che total body) andrebbe messa in atto. Da non trascurare una adeguata terapia del dolore e di supporto per migliorare le condizioni generali dell'organismo.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore, oncologo - www.ipertermiaitalia.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
  Prenota visita