Ipertermia Italia, il calore che cura il cancro

Informazioni e appuntamenti Telefono  3317612698 - 3319584817 emailScrivici

12 elementi con tag "retto"

Risultati 1 - 12 di 12

Ipertermia e immunoterapia nel cancro del colon retto

Categoria: Ultime notizie sulle cure
Creato il Domenica, 12 Gennaio 2014 01:00

 

staminali

In questo articolo Giapponese si evidenzia la sinergia tra ipertermia oncologica ed immunoterapia. Si discute circa l'opportunità di trattare neoplasie del colonretto in fase avanzata o recidivante.

 

Dr. Carlo Pastore

 

 

 

 

Gan To Kagaku Ryoho. 2013 Nov;40(12):1606-8.

Immunotherapy and hyperthermia for the treatment of patients with advanced or recurrent colorectal cancer.

 

[Article in Japanese]

 

Takeda TAkita HTakeda TNakamura KKobayashi STakeda H.

Author information

 

Abstract

We treated 226 patients with advanced or recurrent colorectal cancer using hyperthermia or immunotherapy between July 2005 and September 2012. Clinical benefit (complete response [CR], partial response [PR], and long stable disease [SD] for more than 6 months) was observed in 30 patients (13.3%), including CR in 5 patients. The effective rate of immunotherapy increased from 14.3% to 16.1% using hyperthermia. The effective rate ofhyperthermia was 3.9%. Of the 30 effectively treated patients, liver metastases disappeared in 2 patients treated with hyperthermia alone, and lung metastases disappeared in 2 patients treated with immunotherapy alone. In the remaining 26 effectively treated patients, multiple metastases were observed in solid organs. Both hyperthermia and immunotherapy were administered and were found to be effective in the treatment of patients with advanced or recurrent colorectal cancer.

Informazioni utili (2)

Categoria: lista informazioni
Creato il Sabato, 24 Agosto 2013 20:50

Ipertermia efficace nel tumore del colon retto

Categoria: Ultime notizie sulle cure
Creato il Domenica, 30 Settembre 2012 00:00

provette analisiUn lavoro pubblicato su International Journal of Hyperthermia dimostra la grande validità di un approccio di combinazione tra chemioterapia, radioterapia ed ipertermia nei tumori del retto avanzati in regime neoadiuvante.

Sono stati confrontati i dati di pazienti trattati con sola chemioterapia e radioterapia rispetto a pazienti trattati con la combinazione di chemioterapia, radioterapia ed ipertermia.

I pazienti trattati anche con ipertermia presentano una più alta percentuale di risposta patologica completa e nei tumori del retto basso presentano un più alto tasso di conservazione dello sfintere anale quando vengono sottoposti alla resezione chirurgica dopo il trattamento neoadiuvante.

 

Dr. Carlo Pastore

 

Int J Hyperthermia. 2012 Sep 24. [Epub ahead of print]

Pathological complete response and sphincter-sparing surgery after neoadjuvant radiochemotherapy with regional hyperthermia for locally advanced rectal cancer compared with radiochemotherapy alone.

Schroeder C, Gani C, Lamprecht U, Hann von Weyhern C, Weinmann M, Bamberg M, Berger B.

Source

Department of Radiation Oncology, University Hospital Tuebingen .

Abstract

Purpose: To evaluate the influence of regional hyperthermia on rates of complete pathological response (pCR) and sphincter-sparing surgery in the context of an up-to-date radiochemotherapy protocol for locally advanced rectal cancer. Methods: Between 2007 and 2010, 106 patients with locally advanced cancer of the middle and lower rectum were admitted to neoadjuvant radiochemotherapy either with (n = 61) or without (n = 45) regional hyperthermia. A retrospective comparison was performed between two groups: 45 patients received standard treatment consisting of 5040 cGy in 28 fractions to the pelvis and 5-fluorouracil (RCT group) and 61 patients received the same treatment in combination with regional hyperthermia (HRCT group). Target temperature was 40.5°C for at least 60 min. Total mesorectal excision was performed routinely. Results: pCR was seen in 6.7% of patients in the RCT group and 16.4% in the HRCT group. Patients who received at least four hyperthermia treatments (n = 40) achieved a significantly higher pCR rate (22.5%) than the remaining 66 patients (p = 0.043). Rates of sphincter-sparing surgery were similar in both groups with 64% in the RCT group and 66% in HRCT. When considering only low-lying tumours located within 8 cm of the anal verge prior to treatment, the rate of sphincter-sparing surgery was 57% in the HRCT group compared with 35% in the RCT group (p = 0.077). Conclusion: The combination of regional hyperthermia and neoadjuvant radiochemotherapy may lead to an increased pCR rate in locally advanced rectal cancer. Patients with low-lying tumours especially may benefit when additional downsizing allows sphincter-preserving surgery.

 

Ipertermia Total Body e tumori del colon retto

Categoria: Ultime notizie sulle cure
Creato il Giovedì, 30 Agosto 2012 00:00

Ipertermia total body e tumori del colon retto: effetti sul sistema immunitario

ipertermia total bodyL'ipertermia total body ad infrarosso (fever range) è da considerarsi valida opportunità coadiuvante in oncologia.

Il presente studio sperimentale è stato condotto per valutare l'attività della metodica nel ridurre lo stress sul sistema immunitario prodotti da intervento chirurgico (nel caso specifico priva di chirurgia per tumore del colonretto).

La conclusione è che l'attività del sistema immunitario può essere migliorata impiegando ipertermia total body prima dell'intervento chirurgico.

Ulteriori approfondimenti sono assolutamente auspicabili. Il lavoro clinico è stato pubblicato su rivista medica internazionale in lingua inglese.

Dr. Carlo Pastore


Br J Anaesth. 2012 Jul 31. [Epub ahead of print]

Effect of preoperative fever-range whole-body hyperthermia on immunological markers in patients undergoing colorectal cancer surgery.

Sulyok I, Fleischmann E, Stift A, Roth G, Lebherz-Eichinger D, Kasper D, Spittler A, Kimberger O.

Source

Division of General Anaesthesia and Intensive Care, Department of Anaesthesiology, General Intensive Care and Pain Control.

Abstract

BACKGROUND:

Previous studies have demonstrated beneficial immunological effects of fever-range whole-body hyperthermia (FR-WBH) as an adjunct to non-surgical cancer therapy. We conducted a study of preoperative FR-WBH in patients undergoing colorectal cancer surgery to evaluate perioperative, hyperthermia-induced immunomodulation.

METHODS:

The trial was conducted as a subject-blinded, controlled, randomized study. Subjects in the FR-WBH group (n=9) were treated with FR-WBH before operation under propofol sedation; the target core temperature was 39 (0.5)°C with 1 h warming and 2 h plateau phase. Subjects in the control group (n=9) were treated with propofol sedation only. Blood samples were acquired before and after treatment, after operation, and 24, 48 h, and 5 days after the end of surgery. The following parameters were measured: lipopolysaccharide (LPS)-induced tumour necrosis factor (TNF)-α, procalcitonin (PCT), interleukin (IL)-6/10, heat shock proteins (HSPs) 60, 70, and 90, human leucocyte antigen-DR (HLA-DR), and LPS-binding protein (LBP).

RESULTS:

HSPs were increased in the FR-WBH group after treatment [HSP60, 48 h postop: 143 (41)% vs 89 (42)%, P=0.04; HSP90, postop: 111 (33)% vs 64 (31)%, P=0.04; HSP70: P=0.40; FR-WBH vs control, P-values for area under the level/time curve]. TNF-α levels were elevated after surgery in the control group and remained near baseline in the FR-WBH group [24 h postop: 73 (68)% vs 151 (72)%, P=0.04]. PCT increased in both groups 24 h after surgery; in the control group, this increase was significantly higher (P=0.02). There were no significant differences for IL, HLA-DR, or LBP.

CONCLUSIONS:

The immune system to react to surgical stress, as measured by a panel of laboratory indicators, might be improved by preoperative FR-WBH.

 

Carcinosi peritoneale in fase avanzata

Categoria: Articoli
Creato il Domenica, 15 Luglio 2012 00:00

Carcinosi peritoneale in fase avanzata

mareIl peritoneo è quella sierosa che avvolge i visceri addominali e che serve da contenitore ed ancoraggio per quanto si trova in addome.

Facilita inoltre lo scorrimento reciproco delle anse intestinali.

Frequentemente purtroppo, soprattutto quando si parla di neoplasie degli organi addominali (ed in particolare di intestino tenue, colonretto, pancreas, stomaco, fegato), tale sierosa viene colonizzata dalle cellule tumorali con grave turbamento dell'equilibrio locale.

Le metastasi che interessano il peritoneo provocano una infiammazione locale notevole ed una produzione di liquido che rigonfia l'addome.

Vi è quindi un notevole accumulo di liquidi in un distretto corporeo in cui non dovrebbe essere ed in questa soluzione acquosa sono contenute anche grandi quantità di proteine ed elettroliti, cosa che porta un disequilibrio nel resto dell'organismo.

Inoltre la crescita locale delle masse tumorali esercita un effetto compressivo sugli organi addominali portando infine ad un blocco della normale peristalsi intestinale.

La sierosa peritoneale è scarsamente vascolarizzata cosa che ne fa una “nicchia farmacologica” con estrema difficoltà per i chemioterapici iniettati per via endovenosa od assunti per via orale a raggiungere il bersaglio.

Numerosi sono stati i tentativi di una terapia medica locale che prevedesse l'istillazione di farmaci direttamente nel cavo peritoneale ed occorre dire che molti progressi sono stati fatti in tal senso.

Ultimo approccio sperimentale è l'istillazione di bevacizumab (Avastin) con risultati assai promettenti. Altri farmaci impiegati con buon profitto sono la mitomicina C e la gemcitabina. L'affinamento delle tecniche chirurgiche fornisce ulteriori elementi di speranza.

La metodica della chemioipertermia intraperitoneale con peritonectomia in particolare si va affermando consentendo un allungamento ed un miglioramento della qualità di vita, sino a poco tempo fa insperato.

E l'ipertermia oncologica esterna (capacitiva)? Anch'essa ha un ruolo importante in questa battaglia. La radiofrequenza a 13.56 Mhz, laddove non vi sia un versamento ascitico imponente, che andrebbe altrimenti prima drenato con paracentesi, consente una vasodilatazione profonda con miglioramento dell'accesso dei farmaci chemioterapici al bersaglio.

Nondimeno esercita un effetto citocida diretto. L'ipertermia esterna si esegue con antenne realizzate con tessuto in microfibra conduttiva che, poggiate sul corpo del paziente, gli  trasmettono l'energia a radiofrequenza che porta ad una febbre artificiale in zone limitate del corpo ed in particolare negli organi sede di malattia, risultando pertanto una metodica non invasiva ed indolore.

Il paziente, anzi, durante il trattamento, sperimenta un senso di benessere legato alla liberazione locale di endorfine.

Quando il peritoneo è coinvolto da un processo di carcinosi è opportuno poi mantenere le feci idratate e morbide per facilitarne l'espulsione, nonché somministrare dell'albumina per vena (soluzioni concentrate) soprattutto se si esegue paracentesi.

L'albumina è una voluminosa proteina contenuta nel sangue la cui funzione è quella di trattenere i liquidi nel circolo sanguigno e di trasportare e legare sostanze nel sangue.

Quando essa è presente in scarsa quantità, i liquidi stravasano nei tessuti e creano ulteriori problemi. L'organismo è un equilibrio delicato, i tumori sconvolgono questa omeostasi; il nostro compito è di arginarli, combatterli, riequilibrare ciò che è alterato per il benessere dell'ammalato.

Dr. Carlo Pastore

Tumori del canale anale

Categoria: Articoli
Creato il Mercoledì, 23 Giugno 2010 00:00

Tumori del canale anale

violaLe neoplasie del canale anale costituiscono un capitolo a se stante nell'ambito delle neoplasie del colonretto.

Si tratta in circa l'80% dei casi di neoplasie squamose (carcinomi squamocellulari) eradicabili con una terapia di combinazione farmacologica e fisica.

Si ricorre in questi casi alla chirurgia solo se la terapia di combinazione non sortisce effetto o vi è una ripresa di malattia dopo 6-8 settimane dal termine della terapia.

Alla combinazione chemioterapia – radioterapia si può aggiungere l'ipertermia come agente di potenziamento (la mia esperienza in questo ambito mi ha portato al trattamento combinato di diversi pazienti con ottimo risultato). I farmaci che possono essere impiegati sono il 5-Fu, la mitomicina C ed il cisplatino.

Si combinano tra di loro in una doppietta farmacologica che prevede o cisplatino + 5-Fu o mitomicina C + 5-Fu.

La radioterapia deve essere opportunamente frazionata per limitare i disturbi locoregionali. L'ipertermia va abbinata in numero di 3 applicazioni settimanali, da erogare a giorni alterni per ridurre il rischio di induzione di termoresistenza.

Dopo il trattamento combinato si deve programmare uno stretto follow-up, indagando in particolar modo i distretti più a rischio di recidiva.

Dr. Carlo Pastore

E la sessualità?

Categoria: Benessere
Creato il Martedì, 20 Ottobre 2009 00:00

E la sessualità?

SessualitàLa vita di coppia e la sessualità rappresentano una parte importante della quotidianità.

La patologia tumorale anche in questo senso interferisce, direttamente od indirettamente, nella vita di tutti i giorni.

La neoplasia in se può alterare gli organi sessuali primari o secondari con la crescita locale, come i trattamenti contro il tumore possono portare notevoli disagi.

Basti pensare alle mastectomie (asportazione totale della mammella) o più semplicemente alle quadrantectomie mammarie (asportazione di una porzione del seno), passando poi per la linfadenectomia retro peritoneale (che interessa un area delicata in cui passano i nervi legati all’erezione del pene), alle stomie per i tumori del colon retto (il tristemente noto sacchetto sull’addome per le feci).

Gli effetti collaterali di taluni agenti chemioterapici (nausea, diarrea, vomito, alopecia) completano il quadro. Importante è il supporto psicologico che può offrire il partner ed anche personale qualificato nella gestione della sfera psichica.

La chirurgia plastica ricostruttiva e la chirurgia conservativa possono giocare un ruolo importante.

Inoltre occorre pensare che i disagi legati alle terapie sono transitori e cessano distanziandosi nel tempo dalle stesse.

Condurre una vita sociale di relazione e non isolarsi è altresì molto importante. Il tutto per superare al meglio la malattia.

Dr. Carlo Pastore

Nuova cura per il tumore del colon-retto

Categoria: Ultime notizie sulle cure
Creato il Mercoledì, 25 Marzo 2009 00:00

Novità per il trattamento del tumore del colon-retto in fase avanzata

L’UFT è una combinazione in capsule rigide di tegafur ed uracile. Il tegafur è un citostatico mentre l’uracile serve per rallentare il suo allontanamento dall’organismo. UFT si assume nella misura di 3, 4, 5 o 6 capsule al giorno (a seconda della superficie corporea del paziente).
Occorre assumere inoltre per tutta la durata del trattamento il calcio folinato che aumenta l’efficacia di UFT. Gli effetti collaterali del trattamento sono piuttosto contenuti. L’indicazione terapeutica è nel cancro del colon-retto in fase avanzata.
Dr. Carlo Pastore

Novità nel trattamento del cancro del colon retto

Categoria: Ultime notizie sulle cure
Creato il Sabato, 21 Febbraio 2009 00:00

Novità nel trattamento del cancro metastatico del colon retto.

Il Panitumumab è un farmaco che costituisce una ulteriore arma nel carniere dell’oncologo per aggredire le neoplasie del colonretto in fase metastatica. Tale farmaco è un anticorpo monoclonale completamente umano anti-EGFR efficace nei tumori che non abbiamo mutazione dell’oncogene k-ras (ossia abbiano il k-ras wild type).

Gravato da pochi effetti collaterali, si somministra ogni due settimane alla dose di 6 mg per kilogrammo di peso corporeo.

A questo link potete scaricare l’elenco dei laboratori che effettuano il test del k-ras sul tessuto tumorale  per valutare in anticipo l'efficacia del farmaco.

Dr. Carlo Pastore

Farmaci Antiblastici: Il Raltitrexed

Categoria: Articoli
Creato il Lunedì, 18 Agosto 2008 17:21

Farmaci Antiblastici: Il Raltitrexed

Il Raltitrexed è un farmaco antiblastico impiegato da solo od in associazione, prevalentemente nelle neoplasie del colon-retto, in fase adiuvante o metastatica.

Si tratta di una antimetabolita. Il raltitrexed è dal punto di vista chimico simile all’acido folico ed agisce mediante l’inibizione di un enzima denominato timidilato sintetasi impiegato dalle cellule (sia tumorali che sane) nella biosintesi delle pirimidine.

Tale farmaco risulta attivo nelle cellule dopo la poliglutammilazione che consente la sua persistenza nell’ambiente cellulare a lungo. Inibendo la sintesi delle pirimidine, il raltitrexed interferisce con la naturale costituzione del DNA e dell’RNA.

Viene somministrato per via endovenosa con cicli da ripetere ogni 21 gg. Molto ben tollerato, può essere efficacemente impiegato anche nella terapia di pazienti anziani. Raramente si osservano effetti collaterali degni di nota, presentando il farmaco un buon profilo di tollerabilità.

(Franchi F, Pastore C, Caporale A, Fabiani O, Rossi L, Seminara P. Favorable toxicity profile of raltitrexed in elderly patients treated for colorectal cancer: a case series . Gerontology. 2003 Sep-Oct;49(5):324-7).

 

Dr. Carlo Pastore

 

La cromogranina A

Categoria: Articoli
Creato il Mercoledì, 13 Agosto 2008 01:00

La cromogranina A un marcatore tumorale

cromograninaI marcatori tumorali rappresentano un ausilio nel monitoraggio dell’andamento di una patologia neoplastica che sia già stata accertata.
Essi sono delle sostanze di varia natura prodotte in eccesso dalle cellule malate e possono essere dosati nel plasma o nel siero del paziente.

Tra i vari marcatori a disposizione nella pratica clinica vi è la cromogranina A (siglata CgA). Si tratta di un marker non selettivo di istotipo ma indicativo di proliferazione neuroendocrina.

Domande Frequenti

Categoria: Uncategorised
Creato il Lunedì, 07 Luglio 2008 01:00
domandeL'ipertermia è una terapia sperimentale?
- No. L'ipertermia non è più una terapia sperimentale da tempo. Esistono numerosi lavori scientifici riguardanti la metodica ed il suo utilizzo nella patologia tumorale

L'ipertermia è riconosciuta dal sistema sanitario nazionale?
- Si. L'ipertermia viene erogata gratuitamente in numerose strutture ospedaliere in ambito nazionale. Ovviamente la crescente e massiva richiesta di applicazioni terapeutiche nonché il gran numero di ammalati non consentono alle strutture pubbliche tempi rapidi di risposta. Per tale motivo esistono numerosi Centri che effettuano applicazioni in regime privato. Alcune assicurazioni sanitarie peraltro comprendono nel loro pacchetto salute l'erogazione di applicazioni di ipertermia oncologica.

L'ipertermia è riconosciuta a livello internazionale?
- In numerosi stati esteri viene erogata dal sistema sanitario nazionale e viene impiegata in abbinamento alle altre metodiche di cura del cancro. Nei vari paesi del mondo esistono associazioni di ricerca in ambito oncologico che proseguono costantemente gli studi in ambito di ipertermia.

In quali tipi di neoplasie è indicata l'ipertermia?
- ogni neoplasia solida in ogni distretto corporeo

Quando non vi è possibilità di eseguire applicazioni di ipertermia?
- Quando nell'area da trattare vi è una voluminosa placca metallica impiantata od uno stent metallico e quando il paziente è portatore di pacemaker o defibrillatore cardiaco impiantato. In caso invece di presenza di ascite o versamento pleurico l'applicazione si può effettuare dopo aver drenato il versamento

E' una procedura invasiva?
- no, il calore viene erogato in profondità mediante delle sonde applicate sulla cute del paziente in corrispondenza dell'organo malato

Vi sono effetti collaterali degni di nota?
- no, la procedura è innocua

Interferisce con altri trattamenti?
- no, anzi sinergizza l'effetto di chemioterapia e radioterapia

Quanto dura una applicazione?
- un'ora

Un ciclo di quante sedute è composto?
- si tratta di 10 sedute, ripetibili nel tempo

Esiste documentazione scientifica che dimostri l'efficacia del trattamento?
- certamente si, nuovi studi sono tuttora in corso per avere ulteriori dati di efficacia

Come agisce il trattamento contro la massa tumorale?
- le cellule neoplastiche risultano meno attrezzate delle normali, avendo delle membrane cellulari aberranti, a resistere al calore; pertanto vengono spinte verso l'apoptosi (morte cellulare programmata). Inoltre il maggior afflusso di sangue causato dalla vasodilatazione locale, che si attua durante la terapia, facilità la distribuzione dei chemioterapici. Non da ultimo viene stimolato il sistema immunitario localmente e le cellule già danneggiate da un eventuale trattamento in radioterapia vengono spinte più celermente a morte.

Dopo il trattamento devo stare lontano da altre persone?

- assolutamente no

Il riscaldamento locale non provoca ustioni?
- il macchinario è dotato di sonde realizzate in tessuto in microfibra conduttiva adatte a non scaldare in superficie ma in profondità. Inoltre la presenza dell'operatore consente di modulare l'intensità della radiofrequenza e quindi del calore


Mi è stato diagnosticato un tumore del polmone non a piccole cellule. Ricorro subito all’ipertermia?
-Dipende. Il ruolo dell’ipertermia in questi casi è riservato alla terapia neoadiuvante (cioè precedente ad un intervento chirurgico per diminuire la dimensione della massa, in abbinamento a chemioterapia e/o radioterapia) ed alla terapia delle lesioni metastatiche. Il ruolo principe nella terapia delle neoplasie polmonari non a piccole cellule spetta alla chirurgia qualora possa essere praticata.


Mi è stato diagnosticato un tumore della mammella. A chi mi rivolgo?
La dimensione della neoplasia e la sua estensione locale indicano l’opportunità o meno di eseguire un trattamento neoadiuvante. La riduzione della massa prima di operare può essere molto utile nel proseguio della storia di malattia. Chirurgia, chemioterapia e radioterapia rappresentano il cardine terapeutico per una neoplasia mammaria non metastatica. L’ipertermia trova indicazione nella terapia neoadiuvante (prima dell’intervento) e nei casi in cui la malattia abbia dato luogo a delle metastasi.


Ho un tumore del fegato con molti noduli. L’ipertermia è indicata?
Certamente si. Da sola o come coadiuvante di altre terapie qualora siano praticabili.

Ho un tumore del colon. A chi mi rivolgo?
In primis al chirurgo per l’asportazione. Successivamente l’oncologo valuterà l’opportunità di una chemioterapia adiuvante. L’ipertermia è riservata ai casi metastatici e con coinvolgimento del peritoneo.


Ho un tumore del retto. Che fare?
Valutare l’opportunità di una terapia combinata chemioterapia, radioterapia, ipertermia prima dell’intervento. Riducendo la massa l’intervento chirurgico risulta più agevole e meno gravato da recidive locali. Successivamente si potrà valutare una chemioterapia sistemica. Ipertermia su sedi metastatiche.

Trombosi venosa profonda ed ipertermia. Come mi devo comportare?
- In caso di trombosi venosa profonda in atto è opportuno eseguire una adeguata terapia antitrombotica. L'ipertermia può essere impiegata con le opportune cautele. Una adeguata profilassi può essere eseguita nei pazienti particolarmente a rischio di sviluppare una trombosi venosa profonda.

 

EasyTagCloud v2.4 Free